Si parla rabies

Homepage
dizionario

In Val di Rabbi, oltre all’italiano si parla il dialetto: il Rabiès.

Si tratta della prima lingua della comunità rabiesa tutt’ora usata costantemente: una lingua viva, in continuo mutamento ma che tutta la comunità si impegna a preservare.
Il dialetto è ciò che accresce il senso si appartenenza alla terra, è ciò che si rende unici e ci distingue dagli altri: è uno strumento fortissimo ma allo stesso tempo fragile, che rischia di andar perduto con il passare delle generazioni.

Con questo intento è nato appunto, nel 2013, il Dizionario Rabies-Talian, frutto di un lungo progetto portato avanti dal gruppo di lavoro “Parlar (e scriver) rabies” dell’Associazione Don Sandro Svaizer. Si è in questo modo cercato di dare un contributo importante alla conservazione del dialetto tipico della Valle, che piano piano sta mutando rendendosi sempre più simile al dialetto solandro e trentino. Per non far perdere quindi le proprie peculiarità e le proprie ricchezze al rabies, il gruppo di lavoro si è impegnato a raccogliere un cospicuo numero di parole che altrimenti rischiavano di andar perdute e a stabilire una grafia, delle regole comuni per scrivere il dialetto.

Si parte quindi dalla lettera A, con il verbo “abadar” vb. badare, prestare attenzione; abadarghi vb. farci caso.
E si arriva in fondo con la lettera Z, con il termine “züech” s.m. fuscello.

Condividi

Grazie!

Grazie per la tua iscrizione

Iscriviti alla newsletter



Annulla
Chiudi

Webcam


Val di Rabbi
Chiudi

Meteo Val di Rabbi

Oggi

Min 0°C / Max 0°C


Domani

Min 0°C / Max 0°C


Dopodomani

Min 0°C / Max 0°C


Chiudi

Booking

Chiudi

Richiesta informazioni


to

Caratteri rimanenti limite raggiunto